Stage e Tirocini


    La Scuola di Specializzazione in Beni storico-artistici (già Scuola di Specializzazione in Storia dell’arte) richiede lo svolgimento obbligatorio di un periodo di tirocinio (complessivamente, Vecchio ordinamento 250 ore, Nuovo ordinamento 750 ore con possibilità di riconoscimento di attività svolte dalla laurea all’iscrizione alla Scuola) che pertanto è da considerarsi tirocinio curriculare.

    La procedura per l’attivazione del tirocinio curriculare è la seguente:

    1. La convenzione
      è l’accordo iniziale di carattere generale tra un’istituzione, ente o azienda (Struttura ospitante) e il Dipartimento di Civiltà e forme del sapere dell’Università di Pisa (Struttura proponente).
      Per verificare l’esistenza o per la stipula di una Convenzione tra la Struttura ospitante presso cui effettuerà il tirocinio e la Dipartimento, il tirocinante può consultare il sito del Dipartimentodi Civiltà e forme del sapere:  http://siti.cfs.unipi.it/area-studenti/stage-e-tirocini/.
    2. Il progetto formativo
      è l’accordo tra la Scuola di Specializzazione in Beni storico-artistici e la Struttura ospitante che per ciascun tirocinante individua periodo, modalità, attività e obiettivi del tirocinio.
      Il Progetto formativo dev’essere caricato sul portale dalla Struttura ospitante, sottoscritto in 3 copie dal Tutor della Scuola (il docente della Scuola che segue il tirocinante) e dal Tutor della Struttura ospitante, e consegnato dallo specializzando a: dott. Federico Nobili – Dip. di Civiltà e forme del sapere – via Trieste 38, Pisa, tel. (+39) 050 2216 045; e-mail federico.nobili@unipi.it
      Il tirocinante farà riferimento al dott.Nobili anche per eventuali interruzioni, proroghe, modifiche del tirocinio.
    3. La verbalizzazione tirocinio
      A tirocinio concluso, il tirocinante consegnerà alla Scuola di Specializzazione (prof.ssa Antonella Gioli) la dichiarazione della Struttura ospitante attestante durata e attività del tirocinio svolto, che verrà verbalizzato sul libretto dello Specializzando.
    4. Note
      Gli Specializzandi possono svolgere (oltre il previsto Tirocinio curriculare), entro 12 mesi dalla discussione della tesi di Specializzazione, periodi di Tirocinio extracurriculare: per l’attivazione è necessario consultare questa pagina del sito dell’Ateneo:
      https://www.unipi.it/index.php/tirocini-e-job-placement/itemlist/category/201

    Istruzioni e modulistica per l’attivazione dello stage curriculare:

    http://siti.cfs.unipi.it/area-studenti/stage-e-tirocini/

    Tirocini 2018/2019

    I tirocini possono essere svolti sia presso soggetti culturali del territorio, sia presso soggetti all’estero, come testimoniano, tra gli altri, i seguenti due tirocini recenti:
    Museo Nazionale di Palazzo Reale, Lucca, Specializzanda Silvia Pinna, dal 8/02/2018 al 30/04/2018.
    Obiettivi: stilare l’inventario dei costumi civili in deposito presso il Museo di Palazzo Mansi di Lucca, elaborare delle schede, sul modello di quelle Ministeriali VeAC ( Vestimenti Antichi e Contemporanei), per alcuni nuclei di abiti dal XVIII al XIX secolo, anche attraverso ricerche archivistiche condotte press l’Archivio di Stato di Lucca, riordinare documenti cartacei e fotografici relativi ai costumi, in possesso del Museo.
    Casa d’aste Millon Belgique, Bruxelles, Specializzanda Italia Mastromarino, dal 16/09/2019 al 17/01/ 2020.
    Obiettivi: acquisire conoscenze e competenze riguardanti il mercato dell’arte, il riconoscimento e la valutazione di opere e oggetti d’arte, la redazione di cataloghi per la vendita, l’allestimento delle esposizioni pre-aste, la preparazione e lo svolgimento delle aste. Con il sostegno eonomico della Scuola.